Ricetta – Cajincì Arestis – Chef Andrea Bedin dell’hotel Col Alto di Corvara in Badia (BZ)

In Paste e zuppe, Ricette by RicetteLeave a Comment

Condividi
  • 36
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    37
    Shares

Cajincì Arestis

Cajincì Arestis

0 da 0 voti
Stampa

Cajincì Arestis

I Cajincì Arestis sono sostanzialmente ravioli con ripieno di spinaci. on questa ricetta vi proponiamo un gustosissimo piatto tipico delle montagne e della tradizione ladina. Ci viene fornito dallo, puoposto dallo Chef Andrea Bedin dell’hotel Col Alto di Corvara in Badia (BZ)

Piatto Primi piatti
Cucina Cucina regionale italiana
Keyword cipolla, ricotta, spinaci
Preparazione 2 ore
Cottura 20 minuti
Tempo totale 2 ore 20 minuti
Porzioni 50 pezzi
Chef Andrea Bedin

Ingredienti

Per il primo impasto

  • 50 g farina 00
  • 15 g lievito di birra
  • 30 ml latte
  • 3 g zucchero

Per la farcia

  • 125 g ricotta fresca
  • Mezza cipolla
  • 10 g olio di semi
  • burro
  • 50 ml acqua
  • 35 g spinaci lessati e tritati

Per il secondo impasto

  • 25 g farina 00
  • 30 g burro fuso
  • 25 ml latte
  • 3 uova
  • 125 g patate bollite e schiacciate
  • 15 g grappa bianca
  • sale

Istruzioni

  1. Per il primo impasto versare latte, lievito di birra e zucchero in una ciotola, mescolare finché il lievito non si sarà sciolto quindi aggiungere la farina e impastare ottenendo una massa omogenea e liscia. Coprire con uno straccio bagnato e far lievitare per 50 minuti.
  2. Nel frattempo realizzare la farcia, pelare e tritare la cipolla e stufarla in un tegame con l’olio di semi, un poco di burro e un bicchiere di acqua. Cuocere finchè la cipolla non sarà completamente sfaldata, lasciarla raffreddare e unire la ricotta, gli spinaci tritati e il sale. Amalgamare tutto e tenere da parte.
  3. Per il secondo impasto, aggiungere al primo la farina, le patate schiacciate, le uova, il latte, la grappa, il burro fuso non troppo caldo e il sale. Impastare tutto ottenendo una massa liscia e morbida. L'impasto sarà pronto quando avrà assunto una consistenza quasi collosa tale da attaccarsi alle dita. Coprirlo con uno straccio bagnato e far lievitare per 50 minuti.
  4. A lievitazione conclusa stendere la pasta su un piano da lavoro infarinato ottenendo una sfoglia spessa circa 8 millimetri e con l'aiuto di un coppa pasta di forma tonda, ricavare dei dischetti dal diametro di 5 centimetri. Disporre al centro di ogni disco un poco di farcia e chiuderli a mezzaluna quindi sistemarli su un vassoio infarinato ben distanziati tra loro, coprire con un panno asciutto e far lievitare per un'ora.

  5. Versare abbondante olio di semi in una casseruola capiente e dai bordi alti, quando l'olio sarà ben caldo tuffarvi i cajinci e friggerli per circa 6 minuti rigirandoli per assicurare una doratura omogenea. Scolarli e disporli su un foglio di carta assorbente per l'eliminare l'olio in eccesso. Gustarli tiepidi.
About the Author
Ricette

Ricette

Cucina & Vini contiene ricette classiche della cucina italiana e internazionale, da provare e da gustare. Puoi trovare le ricette che cerchi direttamente da questa pagina.Non dimenticarti di assegnare un punteggio cliccando sulle stelline o aggiungi la tua opinione nei commenti


Condividi
  • 36
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    37
    Shares

Iscriviti alla newsletter di Cucina & Vini !

Leave a Comment






Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.