Sparkle 2019 – Degustazioni Alto Adige

In Alto Adige, Sparkle 2019 by guido bonatiLeave a Comment

Scegli l'azienda che ti interessa

Arunda
Cantina Produttori San Paolo
Haderburg
Kaltern
Kettmeir
Lorenz Martini


Torna alla pagina iniziale di Sparkle 2019
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Di gran carattere le bollicine altoatesine, peccato che le quantità in gioco siano poche, oltre duecentomila pezzi, di cui il grosso consumato nel territorio stesso. L’altra buona notizia, a parte la qualità incontestabile, è che sono in tiraggio nuove etichette presso varie aziende, sia del mondo cooperativo che di quello privato. È il caso di dire che l’appetito viene mangiando poiché il territorio non ha mai puntato sullo spumante, ma sul bianco fermo che oggi è leader nazionale, però i risultati ragguardevoli raggiunti dai pochi produttori hanno spinto altri a cimentarsi. Non dimentichiamo che l’associazione kellermeister altoatesini è molto unita, ovvero lo scambio e la condivisione di idee tra enologia è fatto quotidiano, facile quindi trasferire informazioni, sollecitare cambiamenti. I prodotti in guida sono tutti basati sui classici vitigni internazionali utilizzati per lo spumante metodo classico poiché quasi la totalità della produzione passa per la seconda fermentazione in bottiglia e le poche esperienze con metodo Martinotti hanno sempre una bella personalità (manca quest’anno in guida il Pinot Bianco Grande Cuvée di Kettmeir). In sostanza l’Alto Adige non ha alcun interessate o velleità di competere con la corregionale provincia di Trento nel campo dello spumante, ma il poco che fa lo posiziona molto in alto. C’è da aspettarsi che le nuove etichette che presto usciranno non potranno che allinearsi al livello degli altri. Intanto, ci “accontentiamo” con una gamma di vini veramente eccellente che vanta una media voto superiore a 4 sfere. Due i campioni di Sparkle 2019, prodotti che siete abituati a vedere sul gradino più alto della nostra guida. Per la sesta volta 5 sfere l’Alto Adige Cuvée Marianna Extra Brut di Arunda, il vino che Josef Reiterer, proprietario e fondatore della cantina più alta d’Europa (è posta a milleduecento metri di altitudine) ha dedicato a sua moglie Marianna, con cui condivide da sempre questa avventura, sommelier e prima persona a valutare e criticare in modo costruttivo i vini di Josef.

L’altro alloro va all’Alto Adige Riserva Hausmannhof Brut 2008 di Haderburg, premiato da questa guida per undici volte in diciassette edizioni, prodotta da chardonnay in purezza solo nelle annate che lo consentono. Una cuvée di prestigio ricca e profonda al naso, importante e gagliarda al palato.

 

About the Author
guido bonati

guido bonati


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Iscriviti alla newsletter di Cucina & Vini !

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.