Sparkle 2019 – Degustazioni Friuli – Venezia Giulia

In Friuli - Venezia Giulia, Sparkle 2019 by guido bonatiLeave a Comment

Scegli l'azienda che ti interessa

Antonutti
Dorigo
Rodaro
Stanig
Vigneti Pietro Pittaro
Villa Parens
Zorzettig


Torna alla pagina iniziale di Sparkle 2019
Condividi
  •  
  •  
  • 0
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nel mondo delle bollicine molto è cambiato nel Friuli Venezia Giulia. I primi spumanti di qualità risalgono almeno agli anni Ottanta, quando si sperimentavano soluzioni metodo classico principalmente su vitigni internazionali, rifacendosi ovviamente al modello francese. Il prodotto nei decenni successivi è cresciuto e non poteva che essere così visti i risultati esaltanti ottenuti con i vini fermi bianchi, prodotti di riferimento in Italia e all’estero. Lentamente a partire dagli anni Novanta si cominciavano a produrre spumanti con metodo Martinotti, copiando in questo caso dall’adiacente Veneto e dalla zona di Conegliano Valdobbiadene, sperimentando anche uve locali come la ribolla gialla. L’uva glera, all’epoca chiamata prosecco, cominciava il suo percorso nella pianura friulana, crescendo lentamente di anno in anno, registrando poi un’esplosione con l’avvento della denominazione interregionale Prosecco Doc che porterà il vigneto friulano a glera a superare quattromilacinquecento ettari da fine 2019, con una crescita ulteriore, ma meno decisa, negli anni successivi. Posto che il totale del vigneto regionale è di circa ventitremila ettari e che la denominazione Pinot Grigio delle Venezie già supera i tremila ettari, con una previsione di crescita importante, siamo vicini al 35% di vigneto con due cultivar, quelle che ovviamente rispondono alla domanda del mercato. Si potrebbero sollevare quesiti riguardo il futuro, certamente i vignaioli friulani, forti di una tradizione vitivinicola millenaria, sapranno condurre la loro imbarcazione verso i lidi più adatti. La bella eredità del vino metodo classico di fascia alta è comunque in buone mani e promette sviluppi importanti. Salutiamo quindi il secondo 5 sfere consecutivo di Villa Parens con il Rosé del Noirs Dosage Zero 2015, l’ingresso in guida dell’azienda Rodaro che porta in finale il Brut Nature Pas Dosé e in ordine alfabetico gli altri produttori vocati della regione presenti in guida: Antonutti, Dorigo e Vigneti Pietro Pittaro. Sempre attivo il movimento della Ribolla Gialla, spumante che si propone come vino interessante e di carattere sia nelle versioni metodo classico che Martinotti. Il Friuli Venezia Giulia ha consolidato la sua collocazione ai vertici nazionali della qualità e ci sono solidi elementi per prevedere che tale posizionamento sarà rafforzato con altri prodotto a 5 sfere negli anni a venire.

About the Author

guido bonati


Condividi
  •  
  •  
  • 0
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.