Benvenuti in galera. Il documentario sul primo ristorante nato in un carcere

La cucina come mezzo di ricostruzione identitaria per chi sta cercando di riprendere in mano la propria vita lavorando

Andare oltre le barriere, guardare al di là del muro del carcere, ridare libertà di espressione. Ecco cosa accade nell’Istituto di Pena di Bollate a Milano, dove per la prima volta al mondo è stato aperto un ristorante interno completamente gestito dai detenuti.

Di questo racconta “Benvenuti in galera”, il documentario di Michele Rho, che arriva al cinema a Milano in prima visione alla Cineteca Milano Arlecchino (in via S. Pietro All’Orto, 9) giovedì 11 gennaio alle ore 21. Con la produzione di WeRock, dopo l’anteprima al Filmmaker Festival 2023, il film ora inizia il suo viaggio in sala, dove rimarrà ancora in programmazione alla Cineteca Arlecchino, prima di girare gli istituti circondariali, dove sarà proiettato per i detenuti.

Benvenuti in galera. Il documentario sul primo ristorante nato in un carcere



Il tema della carcerazione e della condizione del detenuto è sempre di estrema attualità, ma spesso si preferisce non affrontarlo oppure parlarne con un certo grado di retorica: il carcere è scomodo e fa paura. Raccontando il progetto di In Galera, il primo ristorante al mondo aperto dentro un istituto di pena, il film documentario ci porta dentro un carcere cercando di abbattere queste paure e diffidenze attraverso le storie di chi sta cercando di riprendere in mano la propria vita lavorando. Per i ragazzi protagonisti il lavoro significa redenzione, vita e futuro: Davide, Said, Jonut, Chester, Domingo, Pavel sono uomini che hanno commesso errori e che stanno cercando una seconda possibilità dalla vita, molti di loro attraverso il lavoro. Ideato e supervisionato da Silvia Polleri, questo ristorante di alta classe (e progetto sociale) è aperto a tutti: i camerieri indossano divise, e lo chef ha studiato nella scuola di Gualtiero Marchesi. Ma il ristorante non è solo un luogo di lavoro per i detenuti, è anche un modo innovativo per la comunità esterna di entrare in contatto con la realtà carceraria in modo nuovo e diverso: un ponte tra il carcere e il mondo esterno.

Benvenuti in galera. Il documentario sul primo ristorante nato in un carcere

«La parola “Benvenuti” è un benvenuto per tutti voi per conoscere meglio e non avere paura o diffidenza quando vedete un detenuto o entrate un istituto di pena. – ha dichiarato il regista Michele Rho – il documentario condivide la straordinaria storia di In Galera, gestito interamente dai detenuti sotto la supervisione di una donna tenace, mia madre: ma il mio obiettivo non era raccontare solo la storia di un ristorante eccezionale né, naturalmente, la storia di mia madre. Così, il ristorante stesso è diventato una lente speciale attraverso cui esplorare il mondo del carcere, tema importante su cui confrontarci. Mi sono avvicinato al progetto – continua il regista – chiedendomi come i detenuti percepiscano il mondo esterno, come si sentano, che cosa provino. Pensandoli dunque come esseri umani, al di là della colpa che hanno commesso, sempre e comunque nel rispetto e attenzione delle vittime delle loro azioni. A me interessano le storie. Ed è proprio il lavoro che diventa la chiave di tutto, per evitare il carcere, per essere accettati nuovamente dalla propria famiglia ed evitare di tornare alle attività criminali. Durante questo percorso ho incontrato moltissima umanità e ho capito quanto poco conoscevo e comprendevo il carcere e la vita dentro il carcere, perché la osservavo da fuori. È un piccolo cambio di prospettiva, ma determinante. Il documentario ha un tono agrodolce e volutamente non vuole “giocare” con il dramma. I detenuti sono esseri umani e la leggerezza rende la punizione più sopportabile.»

Benvenuti in galera. Il documentario sul primo ristorante nato in un carcere

Michele Rho è regista, sceneggiatore. Ha conseguito il diploma in regia teatrale presso la Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano, e ha frequentato il Master of Fine Art in Directing and Screenwriting presso la Columbia University di New York. Lavora nell’ambito del cinema, del teatro e della televisione. We Rock è la casa di produzione con cui produce e coproduce film e documentari. Il suo primo film, “Cavalli”, è stato prodotto da Rai Cinema, distribuito da Lucky Red e presentato alla 68esima Biennale del Cinema di Venezia. Nel 2017, il suo documentario “Mexico! Un cinema alla riscossa” è uscito nelle sale cinematografiche con la distribuzione di Officine Ubu.

Queste le date di programmazione del documentario presso la CINETECA MILANO ARLECCHINO

GIOVEDÌ 11 GENNAIO, ore 21
VENERDÌ 12 GENNAIO, ore 15 e 16.30
SABATO 13 GENNAIO, ore 15.30 e 21
DOMENICA 14 GENNAIO, ore 11.30 e 19.30 
MARTEDÌ 16 GENNAIO, ore 15
MERCOLEDÌ 17 GENNAIO, ore 19