Prosecco a quota un miliardo

In In evidenza, Senza categoria by Fabio De Raffaele1 Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

q9MflBwZvNP6T21UZBG3gD1UbdqBF_ZArJW-1_xFuPQ9Y-Q7sjR5e-idntbZrspVIaDOog=w1315-h539

Prosecco nel mondo verso il miliardo di bottiglie

Prosecco: il mondo a breve avrà bisogno di un miliardo di bottiglie, questo è quanto sostiene Gianluca Bisol, attuale presidente dell’omonima cantina produttrice di Prosecco, il quale non è nuovo a dichiarazioni che poi nel tempo risultano quasi delle veggenze. Nel 2006 affermò che: ‟Entro il 2020 il Prosecco sarà lo spumante più venduto al mondo!ˮ. Previsione che si è avverata con largo anticipo. ‟Ora, sulla base delle mie esperienze e della conoscenza dei mercati internazionali – ha dichiarato alcuni giorni fa – alzo la posta e dico che entro i prossimi quindici anni, la domanda di Prosecco nel mondo sarà di circa un miliardo di bottiglie e quindi dovremo decidere se e come attivarci per poter soddisfare la richiestaˮ. La famiglia Bisol ha un’esperienza con la viticoltura consolidata nei secoli, i primi documenti che attestano il loro rapporto con i vigneti risalgono al 1542. Dall’alto delle ventuno generazioni dedicate alla vite, Gianluca propone la sua soluzione: ‟Attualmente sono circa 28 mila gli ettari dedicati alla produzione di Prosecco, ma se dovessimo decidere di accontentare le richieste del mercato nel prossimo futuro dovremmo raggiungere i 60 mila ettari senza abbassare lo standard qualitativo. Un modello in tal senso è quello costituito da Bordeaux, con circa 60 mila ettari e una stratificazione nella proposta che riesce a coprire tutte le esigenze delle diverse tipologie di consumatoreˮ. E la Bisol sa bene quale sia il livello qualitativo capace di soddisfare il consumatore: la prestigiosa rivista americana Wine Enthusiast recentemente ha assegnato il punteggio di 94 centesimi al Cartizze Private di questa cantina. ‟Stiamo investendo denaro e risorse – conclude Gianluca Bisol – con progetti come ‟Residuo Zeroˮ e altri, innovativi e fondamentali per un discorso di sostenibilità che, a nostro parere, deve ormai essere visto come un must da tutto il mondo vitivinicolo. Il futuro passa da qui e noi, con cinquecento anni di storia alle spalle, siamo ben attenti al futuroˮ.

Fabio De Raffaele

About the Author
Fabio De Raffaele

Fabio De Raffaele


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
[do_widget id="mc4wp_form_widget-2"]

Comments

  1. Bellissima notizia! Il prosecco, oltre ad essere uno dei miei vini preferiti è, a mio parere, una delle eccellenze italiane (del Veneto in particolare) di cui andare davvero fieri!

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.