Food Italy, la novità nel panorama agroalimentare italiano

In News, Notizie by RedazioneLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oltre il concetto del “made in”, che focalizza sul ciclo produttivo, il nuovo marchio dedicato all’agroalimentare italiano incontra quelle espressioni che non hanno alcun contributo, seppur piccolo, dall’estero

 

imm-food-1 (2)

Quando si parla di disciplinare, nel  panorama agroalimentare italiano,  la mente va senza dubbio ai tanti  prodotti di qualità che il nostro Paese ha ideato e sviluppato, in virtù di un territorio generoso, di tradizioni profonde e di una grande capacità inventiva. Ma la maggior qualità è soggetta a continui pericoli e così, perché sia difesa dal rischio di contraffazione, si attivano processi virtuosi di salvaguardia.

Codacons

Uniquality

È proprio per questo che il 6 giugno 2014 gli stakeholder Codacons e Uniquality hanno avviato un progetto con l’obiettivo di conseguire e di promuovere un’uniformità d’approccio nazionale nella definizione del “Food grown in Italy” (cibo prodotto/coltivato/cresciuto in Italia), detto anche “Food Made in Italy”. Il progetto, sostenuto da due enti di certificazione (Khc Know how certification e Certification), utilizza a questo  scopo un sistema di certificazione a  fronte di un disciplinare semplice e facilmente  comprensibile al consumatore.

L’obiettivo dichiarato è quello di garantire un’esportazione più integra dell’Italian life style, ma anche di consentire al consumatore estero l’immediato riconoscimento di un prodotto vero Italiano e di rimettere così ordine tra tutte le denominazioni esistenti nel variegato settore agroalimentare.

A questo scopo il marchio “Food Italy” , che sarà utilizzato come segno distintivo nel progetto e che trova le sue origini nel tricolore, prende forma mescolando l’immagine della coccarda italiana con il tricolore stilizzato in tre cerchi e al centro la scritta “Food Italy” nei tre colori rappresentativi. In tal modo gli stakeholder intendono comunicare questa certificazione volontaria Food Italy e il relativo marchio nel rispetto della biodiversità (primato del food italiano e della cucina italiana), nel rispetto della tradizione (cibi e piatti semplici), nella cura dei nostri territori, nel rispetto dei consumatori, promuovendo la bellezza dell’Italia per un turismo straniero consapevole ma anche come uno spot per gli stessi abitanti della Penisola.Disciplinare-Food-Italy-Rev.04-del-2014.08.04-1

Il disciplinare è sostanzialmente un documento che redige requisiti di riferimento e in questo caso ne contiene tre, semplici e facilmente comprensibili: la materia prima deve essere italiana (prodotta da allevamento/pescata/coltivata in Italia secondo regole/norme applicate in Italia, ad eccezione di quei prodotti italiani come cioccolato e caffè la cui materia prima non possa essere prodotta/coltivata in loco); la lavorazione deve essere effettuata in Italia (con regole/norme applicate in Italia); non deve essere riscontrata presenza di Ogm (organismi geneticamente modificati).

Il progetto è stato interamente pensato per i consumatori. Gli stakeholder ritengono che il sistema “Food Italy”, avendo come obiettivo prioritario la valorizzazione delle qualità delle produzioni italiane in Italia e all’estero, possa fornire tutti gli strumenti essenziali per un acquisto più consapevole e informato, attraverso un semplice marchio italiano del prodotto agroalimentare, che sappia riconoscere e distinguere non solo i prodotti ma anche l’intero ciclo di produzione.

La certificazione Food Italy funziona così: l’uso del marchio sul prodotto e la relativa certificazione “Food Italy” sarà autorizzata all’azienda agroalimentare, imprenditore agricolo, produttore, consorzio, cooperativa, ecc., attraverso un metodo che comprende la valutazione, le successive sorveglianze e le analisi periodiche sul prodotto e sui processi con un metodo di campionamento, la cui entità dovrà soddisfare le tre regole minime indicate nel disciplinare per il prodotto.

fotolia-62868229-s

Rispetto ad altri sistemi una delle caratteristiche peculiari della certificazione “Food Italy” è quella di condurre audit (verifiche ispettive) combinati sul sistema di produzione adottato (ad esempio, valutando i processi produttivi in stabilimento o sul campo) e sui prodotti (valutati sia in produzione che nella distribuzione o nel mercato), al fine di fornire elementi oggettivi per la certificazione o per il suo mantenimento nel tempo. I controlli di conformità sono eseguiti dall’organismo di certificazione Certification, ente terzo italiano, con ispettori italiani attestati in conformità alla Legge 4/2013 (da Uniquality) e Certificati Iso/Iec 17024 (da Khc Know how certification), per assicurare l’assoluta oggettività e competenza delle valutazioni. Il comitato di certificazione di Certification sarà composto dagli stakeholder Codacons e Uniquality.

KHC

Ogni organizzazione certificata potrà accompagnare i propri prodotti con il marchio “Food Italy” e con il codice Food Italy code, al fine di rendere diretta la verifica per cui basterà collegarsi a Internet e così ottenere tutte le informazioni, verificandone visivamente le caratteristiche sulla base dei tre requisiti e potendo rintracciare l’azienda produttrice da tutto il mondo. Per ogni prodotto certificato sarà disponibile online la “scheda prodotto” e, solo per alcuni, sarà coinvolto un panel di assaggio che fornirà un documento online specifico per ogni famiglia agroalimentare, in cui sarà definito il livello di piacevolezza del prodotto, indicandone non solo i tratti positivi, ma anche le eventuali incertezze che potranno essere di sprone per migliorare i risultati del lavoro del produttore. Se dunque il lavoro di chi produce ha bisogno di una sponda perché possa giovarne la fruizione e la commerciabilità dei prodotti, è proprio da questi processi virtuosi che dovrà passare ogni tentativo di articolare un pensiero nobile in grado di garantire e testimoniare il benessere del nostro settore agroalimentare: vivere e mangiare italiano è un approccio salutare per la nostra crescita culturale, da oggi e grazie a Food Italy, non solo in Italia.

food italy

http://www.fooditalycertification.it/

di Simone Nebbia

About the Author

Redazione

Summary
Food Italy, la novità nel panorama agroalimentare italiano
Article Name
Food Italy, la novità nel panorama agroalimentare italiano
Description
Oltre il concetto del “made in”, che focalizza sul ciclo produttivo, il nuovo marchio dedicato all’agroalimentare italiano incontra quelle espressioni che non hanno alcun contributo, seppur piccolo, dall’estero
Author

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.