Roma, 22 dicembre 2018, Enrico Pozza si è spento il 20 dicembre

In News, Notizie by editorLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ciao Enrico.
Un altro pezzo di noi se n’è andato. Un parte della nostra vita, trent’anni di vita.
Non è facile parlare di Enrico in maniera oggettiva, ma sicuramente sono stati trent’anni pieni, di un rapporto unico, di incontri, viaggi, discussioni, apprezzamenti, di buon cibo e di buon vino insieme, sempre comunque a cercare la nota positiva della vita. Non so come faremo senza di te, senza i tuoi consigli, i tuoi suggerimenti, le tue provocazioni, il tuo affetto. Sarà molto difficile non poter sentire la tua voce e scambiare idee, sarà impossibile realizzare quei progetti che avevamo nel cassetto e che, senza di te, non avranno senso. Come sarà complicato solo immaginare Rossella senza di te…
Ciao Enrico. Amico, fratello mio

Antonio Marcianò

Questo il ricordo di Enrico nelle parole di Antonio, l’amico del nostro team che gli era più vicino.

Enrico Pozza, un socio della casa editrice, un membro della redazione, un amico, è venuto a mancare inaspettatamente il 20 dicembre. Doveva essere una giornata di gioia, di attesa felice, di condivisione, si è traformata in un profondo dolore. Di cultura scientifica, era geologo, Enrico avrebbe compiuto 58 anni domani 23 dicembre; è stato un grande appassionato di enogastronomia, un sommelier della primissima ora, un esperto di birra, un cultore di gastronomia. La sua storia con Cucina & Vini nasce nel 2004, quando comincia la collaborazione con le guide dedicate ai vini spumanti e ai vini dolci, e poi sulla rivista, in particolare raccontando di birra. Nel 2010, quando la vecchia casa editrice interrompe le pubblicazioni di Cucina & Vini, fonda la Damar 2010, insieme a tutti noi, con l’obiettivo di riprendere la pubblicazione di rivista e guida. In questi anni ha dato grande continuità al tema della birra sulla rivista, con approfondimenti presenti a ogni uscita, preparati insieme alla moglie Rossella, firmati con lo pseudonimo Henry Ross; un nome d’arte, inventato da un collega inglese durante gli innumerevoli assaggi di birra in Inghilterra, che teneva insieme Enrico e Rossella e che, almeno nei nostri pensieri, non li separerà più.
La Redazione

About the Author

editor


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.