Casa Coppelle. Quell’angolo di Francia nel ventre di Roma

In ristorantiby vventuratoLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Italia vs Francia 1-1

La finale gourmet del ristorante Casa Coppelle a Roma

Di Valentina Venturato

Quant’è strana Roma. Pensi di conoscerla, e invece ti nasconde luoghi che mai avresti immaginato.

Ed è così anche con i ristoranti, pensi di conoscerne tanti ma ce n’è sempre qualcuno che ti sfugge.

Siamo nel cuore della Capitale, in un quadrilatero di grande bellezza tra piazza Navona, piazza del Pantheon, la meravigliosa chiesa di San Luigi dei Francesi e piazza delle cinque lune.
Si cammina calpestando San Pietrini e storia, si respira arte e architettura qui a Piazza delle Coppelle dove al civico 49, quasi nascosto nella sua eleganza si trova Casa Coppelle. E’ uno di quei posti in cui è proprio difficile cascarci dentro quasi per caso, si deve cercare bene, aguzzare la vista. Ma a volte è un bene che un ristorante sia un luogo da “guadagnarsi” e la scoperta è utile a fare quel minimo di selezione che per un posto come questo si potrebbe definire quasi necessaria.
Ci si lascia alle spalle pizza delle Coppelle e si entra in questo spazio ampio e curato.
A farci dimenticare la calura lasciata fuori ci pensa il fresco naturale degli interni che – a onor del vero – ci stupiscono non per la temperatura che garantiscono, ma per la cura con cui sono stati arredati. C’è evidentemente lo zampino di un genio del design contemporaneo.


A svelarne il nome con una evidente e ben giustificata fierezza è la signora Rachelle Guenot, art director del ristorante.
Francese di nascita ma ormai romana d’adozione, Rachelle ci racconta di come è nato “il progetto” Casa Coppelle che anima insieme a suo marito da ormai dieci anni. “Volevamo un posto nostro, che ci rappresentasse. Ma lo volevamo diverso dagli altri; non più bello, non più originale. Solo diverso”. Per creare un posto del genere prima ancora di partire dai piatti è proprio fondamentale iniziare con la forma, con l’arredamento, con l’estetica. “Ho sempre avuto una passione per l’architettura, ed in particolare per lo stile di Jacques Garcia, ma sapevo benissimo che sarebbe stato difficile se non impossibile anche solo ottenere un appuntamento nel suo studio parigino” E invece no, perché se è vero che la costanza viene sempre ripagata, quella di Rachelle lo è stata doppiamente perché Garcia non solo l’ha ricevuta a Parigi ma ha anche deciso di progettare il suo locale.
Ha plasmato e lavorato Casa Coppelle come se tra le mani avesse avuto un pezzo di creta, creando un luogo in cui si alternano giochi di colori, sfumature cromatiche, preziose carte da parati, importanti dipinti ed erbolari d’epoca. Grazie alla genialità di Garcia, Casa Coppelle è un luogo di rara eleganza veramente unico nel suo genere.

Photo Credit: Andrea Di Lorenzo

Eleganza che ovviamente si ritrova anche nei piatti, quasi tutti con delle buone influenze francesi frutto della passione e competenza della signora Guenot, che spesso è in cucina con il resident chef Fabio Rossi. Francia e Italia si susseguono tra le portate creando una buona armonia; c’è la zuppa di cipolle gratinata con crostino di pane all’aglio e groviera in uno scrigno di pasta sfoglia ma anche il risotto mantecato ai gamberi di Sicilia, c’è la bouillabaisse e il carrè di agnello affumicato alle erbe.

Bella la proposta dei dessert che invece non fa sconto alcuno alla grande tradizione d’oltralpe, giustamente aggiungiamo.
La pastry chef, la italianissima Veronica Di Curzio – sempre con la supervisione di Rachelle – si divide tra paris brest agli anacardi, omelette Norvegienne con dacquoise al pistacchio con sorbetto alle more e meringa, tart tatin di pere, il clafoutis all’amarena.

La carta vini è realizzata dal sommelier e direttore Francesco Bertolini ed è pensata per dare importanza ai vini italiani, toccando quasi tutte le zone vitivinicole della penisola, puntando su piccole o piccolissime aziende che, in alcuni casi – a Roma – si trovano esclusiva solo a Casa Coppelle. Non manca ovviamente qualche incursione estera soprattutto con i grandi vini di Francia.

Casa Coppelle
Piazza delle Coppelle, 49 Roma
Tel. 06.68891707
www.casacoppelle.com
info@casacoppelle.com

About the Author

vventurato


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.