Colvendrà Gran Brut. Il bello, il buono

In In evidenza, Profili diVini, Vino by 280188Leave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

GRAN brut colvendràDegustazione Colvendrà Gran Brut

Refrontolo, ameno comune nel cuore della Docg Conegliano Valdobbiadene, è un territorio magico, da sempre caratterizzato da colline coperte di boschi alternate a zone agricole e viticole; un’area segnata quindi dalla perfetta integrazione tra uomo e natura, dove il rispetto per l’ambiente è un’eredità atavica. La famiglia Della Colletta, proprietaria di Colvendrà da inizio Novecento, ha radici vitivinicole antiche che diventano un’attività a inizio del secolo scorso appunto, con Leonardo Della Colletta, nonno degli attuali proprietari, Sergio, Franco, Giuseppe e Mirko che oggi dispongono di venticinque ettari di vigneto.

Leonardo fu un profondo conoscitore della campagna e delle uve che lo portarono a specializzarsi anche nella produzione di barbatelle porta innesto, selezionate in base ai risultati da raggiugere in quelle terre. Sarà la suggestione dei panorami di Refrontolo, veramente affascinanti, sarà merito di un’eredità che ha segnato la gente del posto, ma il rispetto per il territorio è ancora oggi per i quattro fratelli il valore alla base delle loro attività; e la qualità in vigna e in cantina è uno degli aspetti insiti in questa vocazione alla cura. Da non sottovalutare anche l’influenza della storia perché proprio quei campi, dove la famiglia Della Colletta ancora oggi lavora con passione, sono testimoni di una viticoltura attenta almeno sin dal Seicento, come dimostrano testimonianze scritte, e probabilmente da molto tempo prima.

Parliamo ovviamente di bollicine in questo territorio, ma il suo nome è legato a un prodotto storico, a un passito rosso da uve marzemino che ancora oggi viene prodotto nella zona ed evidentemente anche da Colvendrà che in gamma vanta anche bianchi e rossi fermi di bella personalità. Ma veniamo agli spumanti e alla Docg che rappresenta il grosso della produzione con etichette delle diverse tipologie, brut, extra dry, dry e anche il dry proveniente dalla zona di elezione del Cartizze e un brut “Rive di Refrontolo”, quindi da uve esclusivamente di vigne collinari di Refrontolo. Il Conegliano Valdobbiadene Gran Brut è un non millesimato, un’etichetta nuova, figlia di vigne che allignano su suoli di arenarie antiche, poggiate su substrato argilloso, modellate dal ritiro dei ghiacciai, ne sono testimonianza i fossili contenuti nei campi quasi già a basse profondità. Le ondulazioni della zona, la presenza di aree boschive adiacenti ai vigneti e delle Prealpi a nord del territorio sono responsabili di un clima caratterizzato da belle escursioni termiche che favoriscono la sintesi degli aromi nelle uve; bagaglio che ritroviamo nei vini grazie alla perizia dell’uomo.

CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO SUPERIORE GRAN BRUT
11,5% vol – € 12,00
Uve: glera
Bottiglie prodotte: 15.000
www.colvendra.it

Un prosecco nitido e di personalità, da godersi piacevolmente a tutto pasto. Il calice si veste di un colore giallo tenue dai riflessi platino con perlage fine e persistente. Naso fresco e fine, che apre elegantemente con una bella fusione di fiori e vegetali seguiti dal frutto: biancospino, glicine, mughetto, rosa canina, felce e timo serpillo precedono ananas, pesca, pera, banana, melone, kumquat; tutto si fonde in un amalgama bilanciato. In bocca si offre già compiuto, è fresco, morbido, equilibrato, di buon corpo e carbonica cremosa, con una verve acido-sapida bene integrata, che rende piacevole la beva e porta a un retrolfatto dove la frutta si fa dominante.

Servitelo su una ricca insalata di riso con frutti di mare.

About the Author
silvio torterolo

280188


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Iscriviti alla newsletter di Cucina & Vini !

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.