Il Sunday Roast. Il piatto della domenica degli inglesi

In In evidenza, Ricette, Terra by vventuratoLeave a Comment

Condividi
  • 9
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Il Regno Unito è in fermento…si feteggiano i 60 anni di regno della Regina Elisabetta II”The Diamond Jubilee”. Un pò ovunque si vedono bandiere inglesi, i negozi propongono i caratteri della famiglia reale declinati in ogni forgia, dalla immancabile mug, passando per i bicchieri, le magliette, quaderni, penne e via discorrendo. Non c’è niente da fare, gl’inglesi quando si tratta di calcio e di famiglia reale rispolverano il loro spirito patriottico non foss’altro per non perdere un’occasione di fare festa e berci su una bella pinta di bitter beer or ale… Ma festeggiamenti a parte , senza dimenticare di rinnovare i nostri migliori auguri alla Regina Elisabetta II – ammesso che gli arrivino – parliamo di cucina attraverso un piatto che non manca mai nel pranzo domenicale in perfetto stile britannico: il sunday roast. E’ una di quelle cose che se le mangi mentre fuori il tempo pure è tipicamente inglese e cioè con pioggia fitta e fastidiosa, cielo grigio e quel  venticello buono solo a alzare la polvere per ficcartela negli occhi, ecco il Suanday Roast potrebbe addirittura convincerci che fuori il sole spacca le pietre, e  se il calendario segna il 3 di giugno non è vero che fuori il 3 sembra di novembre.

 

 

 

 

 

Il Sunday Roast, che letteralmente vuol dire “L’arrosto delle domenica” rende onore alle migliori materie prime del Regno Unito, come in tuberi nelle loro tre varianti tipiche vale a dire patate, carote e parnsnip e ovviamente la carne di manzo, tacchino, agnello e il maiale. Ovviamente non tutte le versioni di questa ricetta includono tutti questi tipi di carne ma certamente la migliore e la più completa le prevede accompagnate dall’immancabile salsa gravy. Altro elemento fondamentale di questa bontà british è il Yorkshire Pudding, una sorta di ciambella senza buco ma con una cavità abbastanza profonda che generalmente viene sommersa dalla saporitssima gravy. Poi ci sono altri elementi di “contorno” che però variano in base al tipo di carne, per esempio il purè di mele è ottimo con il maiale, la salsa di mirtilli assolutamente da provare con il tacchino o meglio ancora il manzo e l’immancabile salsa alla menta buona accompagnata all’agnello.

Di seguito trovate la ricetta. Ve lo diciamo da subito che fare questo piatto non è proprio come prepare le scrambled eggs… quindi armatevi di santa pazienza e mettetevi all’opera!

 

Ingredienti per 4 persone

Un coscio di agnello

Un’arista di maiale

Una lombata di manzo

2 petti di tacchino

 

Per le verdure

8 grosse patate

8 parnsnip

8 carote

 

Per il Yorkshire Pudding

125 gr di farina 00
3 uova
285 ml di latte
sale
olio

 

Per la salsa gravy

Il liquido di cottura della carne

2 cucchiai di farina “00”

g 50 di burro

 

Preparare subito la carne quindi condirla con olio, sale, pepe, rosmarino, un pizzico di zucchero di canna e cuocerla in forno a 180 °C per circa un’ora. A cottura ultimata recuperare il liquido di cottura e metterlo da parte. Pelare le verdure, tagliatele grossolanamente, adagiatele su una teglia condirle con olio, sale e spezie a piacere e cuocerle in forno a 180 °C per circa 40 minuti.

Per realizzare gli yorkshire pudding frullare tutti gli ingredienti insieme sino ad ottenere una pastella liscia ed omogenea, riporla in frigo per  40 minuti quindi disporla in 4 stampi monoporzioni di forma circolare e cuocere per 15 minuti a 180 °C  poi per altri 5 abbassando la temperatura (160°circa ). Non aprire il forno per i primi 10/15 minuti. Sfornare e lasciare freddare su una griglia.

In un pentolino versare il liquido di cottura della carne, aggiungere la farina e il burro e a fuoco medio mescolare finché il burro non sarà completamente sciolto e la farina ben incorporata.

Tagliare la carne a fatte, disporne due per tipo su ogni piatto, accompagnare con le verdure arrosto , uno yorkshire pudding riempito di salsa gravi.

 

 

 

About the Author
Valentina Venturato

vventurato


Condividi
  • 9
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Iscriviti alla newsletter di Cucina & Vini !

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.