Le Stelle del Lazio brillano al Moma di Roma

In Notizie by vventuratoLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Andrea Pasqualucci chef del Moma

Continuare a ricevere, a far parlare delle eccellenze della nostra Regione e a creare occasioni in cui venga celebrata la grande enogastronomia laziale si può e si deve fare, specialmente in questo momento. Ovviamente rispettando scrupolosamente tutte le norme anti covid.
Ed è esattamente ciò che sta facendo il Moma di Roma, il bel ristorante stellato a due passi da Via Veneto che ha ideato Le Stelle del Lazio una rassegna enogastronomica in cui nel corso di 5 appuntamenti, il resident chef Andrea Pasqualucci incontrerà altrettanti colleghi per dar vita ad una cena a quattro mani.

Iside De Cesare chef de La Parolina

Il primo appuntamento c’è stato lo scorso giovedì quando Iside De Cesare – chef e patronne del suo ristorante La Parolina di Trevinano in provincia di Viterbo – ha raggiunto lo chef Pasqualucci per dar vita ad un percorso di degustazione in cui la cucina stellata dell’Alta Tuscia ha incontrato quella del Moma.

Si prosegue poi il 22 ottobre con Gino Pesce de “L’Acqua Pazza” di Ponza. La serata inizierà con un amuse bouche di Babà salato, stracciatella e alici e un antipasto di Crudo di ricciola, rapa rossa e yogurt. Il primo piatto sarà uno dei cavalli di battaglia di Andrea Pasqualucci, il Risotto alla camomilla con anguilla affumicata, miele e origano, seguito dal Merluzzo al vapore con patate, bottarga di tonno e lime di Gino Pesce. Terminerà la serata una dolce Variazione di frutta secca.

Il 29 ottobre è la volta di Salvatore Tassa chef patron di “Colline Ciociare” ad Acuto (FR), con lui il menu inizierà con l’orto di stagione in giardiniera e con l’antipasto a base di radicchio, erborinato e pinoli. Saranno poi serviti i ravioli di anguilla “il mare che non c’è” e il secondo piatto “la terra e la natura”. Per finire sarà servito il dolce “tuberi e radici”.

Salvatore Tassa chef di Colline Ciociare

Il 5 novembre tocca a Sandro Serva, titolare con il fratello Maurizio de “La Trota” di Rivodutri (RI), qua a farla da protagonista sarà il pesce di lago. Si partirà con l’amuse bouche, zucca affumicata, ricotta e caffè, e proseguirà con l’uovo in carciofo per antipasto e il risotto alla camomilla con anguilla affumicata, miele e origano per primo piatto. Chiuderanno la serata la trota fario con mango e pastinaca e il cremoso al cioccolato e verbena con ciliegie torbate e gelato alla mandorla.

Lele Usai chef de Il Tino

A chiudere in bellezza il 12 novembre Lele Usai de Il Tino a Fiumicino (RM). Lo chef patron dello stellato di Fiumicino darà inizio alle danze con un benvenuto di volpina e spuma al Margarita, seguito poi dal giardino iodato e dai bottoncini di gamberi rosa e zafferano, omaggio ad Antonio Carluccio. Termineranno la serata il polpo con radici e dragoncello e il dolce a base di zucca, castagne, caramello salato e gelato al Brandy stravecchio.

Il menu degustazione, dal costo di 100 euro a persona, ha incluso una selezione di vini della cantina laziale Poggio Le Volpi di Monte Porzio Catone (RM), accompagnati a ogni portata. Ad aprire la serata sono state le bollicine dell’Asonia, brut metodo classico, ricavato da uve Malvasia di Candia, accompagnate all’amuse bouche; all’antipasto è stato abbinato il Roma, bianco di malvasia puntinata; Epos per il primo; il Roma rosato per il secondo e, dulcis in fundo, il Cannellino per il dessert.

Per info e prenotazioni

Ristorante Moma
Via di San Basilio, 42/43
00100 Roma
www.ristorantemoma.it
info@ristorantemoma.it

 

 

About the Author
Valentina Venturato

vventurato


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
[do_widget id="mc4wp_form_widget-2"]

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.