benito ferrara

Benito Ferrara Greco di Tufo 2013 Vigna Cicogna

In In evidenza, Profili diVini, Vino by 280188Leave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Benito Ferrara Vigna Cicogna. Lo straordinario carattere della semplicità

benito ferraraL’azienda Benito Ferrara è proprietaria di otto ettari vitati, una parte dei quali si estende sulle colline del comune di Tufo, nella piccola frazione di San Paolo, terra tradizionalmente vocata per la produzione del Greco di Tufo, mentre l’altra si trova nel comune di Montemiletto dove è coltivato il vitigno aglianico. Siamo in Irpinia, qui il greco, protagonista della suddetta Docg campana, e l’aglianico, interpretato nella garantita Taurasi, danno la massima espressione di sé. Intorno alla metà del secolo scorso, Benito Ferrara, che già produceva vino, con lungimiranza e caparbietà puntò tutto sui due vitigni. Oggi al timone dell’azienda c’è la figlia Gabriella, tipica donna del Sud, che con tenacia e coraggio ha saputo valorizzare ancora di più questa eredità, attrezzando la cantina con nuove tecnologie; da brava imprenditrice ha varcato i confini italiani esportando il suo vino in tutto il mondo, tanto che gli Stati Uniti ne sono diventati il mercato più importante.

La signora Gabriella, insieme al marito Sergio e alla madre Michelina, cura con passione i suoi vigneti che hanno un’età media di circa venti anni e si trovano a un’altezza compresa tra i quattrocentocinquanta e i seicento metri sul livello del mare; i suoli argillosi e pietrosi, caratteristici perché colorati dal giallo dello zolfo che si estraeva dalle miniere di Marzo, sul fiume Sabato, fino agli inizi degli anni Ottanta. Il Vigna Cicogna, il bianco di punta dell’azienda, nasce nel 1996 e presto diventa una delle interpretazioni di riferimento della Docg, è fortemente marcato dal terroir, anzi ne è l’espressione massima. Un vino di grande personalità, netto e vigoroso, elegantemente minerale, di struttura importante, acidità spiccata ma inserita e bilanciata dalle componenti morbide, bel ritmo gustativo, ottima persistenza e piacevole salinità.

Lo assaggi e si fissa nella memoria invogliando all’olfazione e alla beva. Le uve di questo Greco di Tufo vengono raccolte verso la fine di ottobre, una volta giunte in cantina subiscono una pressatura soffice e il mosto fermenta a temperatura controllata in acciaio inox. Il vino resta in acciaio per circa sette mesi a contatto con le fecce fini e una volta imbottigliato affina in vetro per circa due mesi prima di essere messo in commercio. Una vinificazione semplice e attenta che genera un vino attualissimo con un’eredità antica. (S.V.)

BENITO FERRARA VIGNA CICOGNA 2013 GRECO DI TUFO DOCG
13,5% vol – € 18,00

Uve: greco
Bottiglie prodotte: 10.000
www.benitoferrara.it

Vino importante, che già coinvolge promettendo però un’evoluzione emozionante. Un bel giallo deciso e luminoso introduce un olfatto articolato e ampio, che racconta di pera, uva spina, kiwi, cedro, arancia, mela, melone bianco e pesca, scolpiti da mineralità di selce, tufo e argilla secca, e ancora respiri di ginestra, dolcezze di mandorle e nocciole secche e gentilmente tostate, sbuffi di salvia e melissa, con risvolti balsamici di macchia. Bocca energica e vigorosa, con spalla acido-sapida importante che conduce l’assaggio, ben integrata dalla struttura e da un adeguato contributo della morbidezza. Minerali e agrumi, melissa e macchia sono in primo piano, con il frutto in una veste decisamente croccante e il finale piacevolmente salino.

Da gustare con una coda di rospo ai funghi porcini.

About the Author
silvio torterolo

280188


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
[do_widget id="mc4wp_form_widget-2"]

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.