A Brescia le prelibatezze alimentari dei terreni sequestrati alla mafia

In In evidenza by RedazioneLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A Montichiari (Bs) le eccellenze alimentari prodotte sui terreni confiscati alla mafia

Dai dati forniti dall’Anbsc (Agenzia Nazionale Beni Sequestrati alla Criminalità), sono ben 1771 i beni immobili sequestrati alla criminalità organizzata. Il 24 per cento di questo patrimonio è costituito da terreni agricoli, che occorre valorizzare perché danno lavoro a soggetti disagiati, disabili o che hanno un passato che il lavoro riesce a far dimenticare. Tutto questo si concretizza attraverso cooperative come Libera Terra, Fattoria la Casa di Nilla, La casa del Benessere e altre che operano sul nostro territorio. Non a caso abbiamo citato quelle che sono attive in Calabria, perché proprio queste, insieme al Consorzio Macranè, Giovani di Vita, Demetra Onlus e I-Chora, porteranno i loro prodotti alla “Fiera di Vita in Campagna”, che si sta svolgendo al Centro Fiera del Garda di Montichiari (Bs), e che si concluderà oggi. Una fiera dove piccoli produttori, artigiani e fattorie sociali, espongono le loro prelibatezze, frutto del lavoro della terra. Quest’anno nel padiglione “Origine”, dedicato alle piccole produzioni tipiche, è protagonista la Calabria con uno spazio dal nome significativo: “I semi della Legalità”. Agrumi, ortaggi, miele, peperoncino e salumi, sono i variopinti testimoni della legalità calabrese. Ieri si è svolto anche il convegno dal titolo “Fattorie sociali, che fine hanno fatto i decreti attuativi?”, che ha cercato di fare il punto sulla legge numero 141 del 18 agosto 2015, sull’agricoltura sociale, ancora ferma in attesa delle misure applicative.

About the Author
enrico pozza

Redazione


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Iscriviti alla newsletter di Cucina & Vini !

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.