Codice Citra – Abruzzo – Bererosa 2020

In Bererosa 2020 by editorLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cerasuolo d’Abruzzo Bisanzio 2019
Dop

Gradazione: 12% vol
Uve: montepulciano
Il vino: immediato, agile, salino, è il vino rosa adatto a ogni momento. Di un bel rosa corallo luminoso, è fresco e garbato al naso, subito sul frutto che declina fragola, lampone, mela, ciliegia, pesca, tutti in veste croccante e con un vago accenno alle caramelle; ecco l’arancia che dialoga con la mandorla secca, percorse da respiri di pietra calcarea e biancospino, con nuance di maggiorana fresca. Bocca vitale, leggera, sapida, dallo sviluppo agile, votata a una beva disinvolta che gode del riflesso fruttato sul palato, con un finale sostenuto dalla salinità crescente.
L’abbinamento: aperitivo goloso insieme a ricotta lavorata con pomodori secchi a pezzetti.

 

Cerasuolo d’Abruzzo Niro 2019
Dop

Gradazione: 12,5% vol
Uve: montepulciano
Il vino: parla di territorio, mantenendo un carattere gentile e invitante il consumo. Di un bel rosa corallo con riflessi cerasuoli, è dolce di frutto polposo all’olfatto, dove spicca subito la ciliegia che va a fondersi con lampone, fragola, arancia, mela, pesca, mentre sale la componente minerale di salgemma insieme a note di maggiorana secca e mandorla, tutti percorsi da profumi di rosa e glicine. Morbido, fresco, sapido, leggero, caratterizzato in progressione da una vago tratto tannico in grado di ispessire un vino che resta agile e di grande bevibilità anche grazie a un retrolfatto coerente, più spostato sul frutto croccante e i fiori, con una buona dose di salgemma.
L’abbinamento: invitante in compagnia fichi e San Daniele

 

Cerasuolo d’Abruzzo Palio 2019
Doc

Gradazione: 12,5% vol
Uve: montepulciano
Il vino: rosato di bella fusione olfattiva, saporito e di ottima tessitura. Di colore rosa corallo, è articolato al naso e ben fuso nel presentare una composizione di rosa, mandorla secca, ciliegia, fragola, selce, mirto, susina nera, pietra pomice. Lentamente si schiarisce ed ecco la pesca, la mela, l’arancia, con note di caramelle agli agrumi e cenni di pane. La bocca è di grande freschezza, sapida, dalla tessitura adeguata per un insieme bilanciato, grazie anche alla morbidezza e al delicato tannino. La progressione acquisisce volume e slancio salino, riportando il quadro del naso con una bella matrice agrumata che declina anche arancia rossa e pompelmo rosa.
L’abbinamento: senza indugio con filetto di ombrina ai capperi, olive e pomodorini.

 

Cerasuolo d’Abruzzo Superiore Ferzo 2019
Doc

Gradazione: 13,5% vol
Uve: montepulciano
Il vino: rosato di gran carattere, dotato di complessità, larghezza e potenziale evolutivo. Rosa cipria chiaro, è invitante al naso, diverso nel porgere subito profumi di rosa, acacia e glicine insieme ad arancia, pesca, albicocca, mango, fragolina di bosco, lampone, ciliegia Ravenna e pompelmo rosa. Lentamente propone gentili note di frutto in veste di caramelle e gelatine, fuse con sentori di maggiorana secca e vaniglia, percorse da nette mineralità di salgemma, selce e iodio, da sentori di mandorla e nocciola secche e in confetto per un insieme di grande dinamica, non sequenziale nella lettura. Bocca subito equilibrata e di spessore, dinamica, fresca, sapida, con un vago tannino che dà ritmo e una progressione che riprende il naso, sottolineando in modo deciso la nota di ciliegia che si avverte immediatamente va a chiudere insieme al salgemma.
L’abbinamento: servitelo su un piatto di ziti al ragù napoletano.

 

Primæ Lucis Rosé Brut
Vino spumante metodo Martinotti

Gradazione: 12,5% vol
Uve: a bacca rossa autoctone
Il vino: gentile e coinvolgente al naso, salino e verticale in bocca, è di colore rosa corallo chiaro con perlage sottile. Immediato e invitante, porge aromi di arancia, susina, nespola, pesca, fragola, mela Fuji, percorsi da respiri minerali di gesso e selce, fusi con il floreale di rosa e glicine. Ancora, scopriamo lampone e mandorla secca ben definita con cenni di macchia mediterranea assolata. Fresco e sapido, di buona cremosità e morbidezza, è leggero e di sviluppo decisamente salino. Si ritrova il frutto dolce e polposo che viene rapidamente accompagnato da sentori di selce e salgemma, veri protagonisti nel finale.
L’abbinamento: senza indugio, sposatelo a spaghetti al sugo rosso di cozze.

 

Torna alla pagina principale di Bererosa 2020 web

About the Author
Francesco D'Agostino

editor


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
[do_widget id="mc4wp_form_widget-2"]

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.