Masciarelli – Abruzzo – Bererosa 2020

In Bererosa 2020 by editorLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cerasuolo d’Abruzzo Villa Gemma 2019
Doc

Gradazione: 13,5% vol
Uve: montepulciano
Il vino: il colore accattivante prelude all’intensità e all’energia di questo rosé, che in bocca è corposo e gustoso. Di colore cerasuolo carico, regala decise e golose note di frutta rossa, con l’amarena anche sciroppata, la ciliegia, la melagrana, l’arancia sanguinella, la mora, il mirtillo, il ribes fresco e in confettura. Un floreale intenso di petali di rosa, peonia, ciclamino, violetta e glicine si alterna a sensazioni più verdi di maggiorana, timo, eucalipto, foglia di pomodoro e bacche di pepe rosa. Sul finale, ricordi di minerali di graffite e confetti alla cannella. Al palato è intenso ed equilibrato, generoso nel riproporre la frutta rossa e i fiori carichi delle loro essenze. La buona alcolicità, la morbidezza e la grande struttura, donano sensazioni tattili di spessore e piacevolezza, vivacizzate da una decisa freschezza che vira verso una elegante sapidità. Chiude con un lungo finale fruttato e lievemente balsamico, allungato dalla sensazione di calore dell’alcol e dalla gradevolezza di lievi tannini.
L’abbinamento: da proporre con una zuppa di pesce in rosso e pane fritto ad accompagnare.

Cerasuolo d’Abruzzo Gianni Masciarelli 2019
Doc

Gradazione: 13,5% vol
Uve: montepulciano
Il vino: intenso e articolato, in bocca è deciso e accogliente, per un insieme invitante e versatile a tavola. Di colore ciliegia, porge fragranze intense di frutti rossi che vanno dall’amarena, al lampone, alle mora, al ribes, alle fragole anche in macedonia. Spande poi ricordi floreali di ciclamino, rosa e glicine, uniti alla verve del rosmarino, del timo, della menta e della maggiorana. Sentori minerali di selce, arenaria e un tocco di grafite giocano con ricordi di sciroppo di melagrana e bacche di pepe rosa. In bocca ha la capacità di unire la struttura caratteristica di un vino rosso con la freschezza e l’acidità di un bianco. Vivace ma di sostanza, riporta gli aromi fruttati del naso e regala una bella morbidezza, che bilancia la spalla acido-sapida e sensazioni garbatamente tanniche. Finale di fragola e arancia, con sensazioni saline e minerali.
L’abbinamento: buono con maccheroni alla matriciana.

 

Colline Teatine Rosato 2019
Igt

Gradazione: 13% vol
Uve: montepulciano
Il vino: Masciarelli è una delle cantine simbolo d’Abruzzo, la cui storia ha inizio quaranta anni fa, quando Gianni Masciarelli inizia la sua attività nel 1981 nel piccolo paesino di San Martino alla Merruccina, ai piedi della Maiella. Dopo la scomparsa di Gianni è la moglie Marina Cvetic, grazie anche al contributo di Miriam, figlia del fondatore, che porta avanti l’importante eredità lasciata dal fondatore. Il vino si presenta di colore cerasuolo chiaro brillante, al naso è fresco e con immediate note fruttate e vegetali: troviamo melagrana, pompelmo rosa, arancia, ciliegia, pesca, toni di timo e fieno e nel finale offre respiri di rosa canina. In bocca è fresco, abbastanza morbido, sapido e di medio corpo per un insieme in buon equilibrio, che nel finale mostra una cera verve alcolica. Il retrolfatto inizialmente conferma la fase fruttata appena più agrumata per poi convergere su sentori di frutto sotto spirito.
L’abbinamento: Non si sbaglia insieme a una minestra di pasta e ceci, con peperoncino fresco.

 

 

Torna alla pagina principale di Bererosa 2020 web

About the Author
Francesco D'Agostino

editor


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
[do_widget id="mc4wp_form_widget-2"]

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.