Poggio le Volpi, Oliver Glowing e Barrique… Se puoi sognarlo puoi farlo!

In In evidenza, News, Notizie, ristoranti, Vino by RedazioneLeave a Comment

Condividi
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    21
    Shares

Ai  piedi di Monte Porzio Catone, a due passi da Roma, tra i  vigneti dell’azienda Poggio le Volpi è nato l’elegante Barrique, dalla magica atmosfera. Executive Chef Oliver Glowig, Resident Chef Daniele Corona, che guida anche il bistrot Epos Wine&Food e i dessert sono espressione della creatività del giovane, talentuoso, pastry chef Andrea Riva Moscara. Ispiratrice e compagna di avventura la padrona di casa Rossella Macchia insieme all’ideatore e stratega Felice Mergé.

 

Stile, gusto, vertici, passione, qualità, accoglienza… Un paradiso del gusto e dell’ospitalità a pochi chilometri dalla Capitale, a Monte Porzio Catone, nel cuore dei Castelli Romani. Ecco realizzato il nuovo sogno della famiglia Mergé, titolare della rinomata azienda vitivinicola Poggio le Volpi, nell’elegante complesso in stile contemporaneo, bianco lunare, affacciato sui vigneti che dolcemente si srotolano sotto l’edificio. Un luogo, un’esperienza, che proietta nel mondo, in Borgogna, come a Napa Valley, nella Barossa Wine Valley in Australia…o alle porte di una Roma eterna, antica e futura…

Adagiata su una collina che guarda verso oriente, a 400 metri sul livello del mare, Poggio le Volpi, 35 ettari di terreni vulcanici castellani, è un’azienda nata nel 1996 sull’intuizione di Armando Mergé e di suo figlio Felice, per dare vita a vini figli del territorio, che grazie alle più moderne tecnologie interpretano in maniera autentica l’ambiente, enfatizzandone la ricchezza ampelografia. Le uve migliori hanno dato vita a gioielli enologici che conosciamo quali Epos Frascati Superiore Docg, Ausonia Frascati Doc spumante, Donnaluce Lazio Igp (base chardonnay e greco), il rosso di punta Baccarossa Lazio Igp (dove è protagonista indiscusso l’autoctono Nero Buono) e altre etichette ormai famose nel mondo firmate Poggio le Volpi.

Oggi il salto quantico, se puoi sognarlo puoi farlo – affermazione di Walt Disney che gli attori del progetto hanno fatto propria – rappresenta il passo importante e impegnativo per creare un filo diretto con il consumatore, che accanto ad ottimi calici può godere di una cucina di altissimo livello, partendo dal territorio per inoltrarsi in un viaggio del gusto ad ali spiegate, grazie all’estro di Oliver Glowig e di tutto lo staff che condivide obiettivi ed entusiasmo, gioia e perizia, con i coraggiosi e appassionati titolari. Oggi in un’unica voce che si esprime in due anime Barrique ed Epos Wine&Food.

Al piano inferiore della splendida costruzione, l’affascinante barricaia, sede del ristorante Barrique, palcoscenico eccezionale per un artista del gusto prestigioso come Oliver Glowig, nel ruolo di Executive Chef, affiancato dal Resident Chef  Daniele Corona, da anni al suo fianco, che si occupa anche del bistrot ai piani superiori,  il caldo e innovativo Epos Wine&Food, dal cui dehors lo sguardo si perde verso Roma.

Compagna di vita e di sogni di Felice Mergé, perfetta padrona di casa delle due interessanti realtà, Rossella Macchia. Una donna vivace, ironica e appassionata, che ha seguito e continua a seguire la realizzazione del grande sogno con precisione, entusiasmo e intensità.

È per noi un onore – dichiara Rossella Macchia – avere in cucina un fuoriclasse come Oliver e un talento come Daniele. Siamo sicuri che questo rappresenterà un plus per tutto il territorio circostante, bellissimo ma troppo spesso sottovalutato. Poggio le Volpi vuole essere il luogo ideale per fuggire dallo stress cittadino e immergersi in esclusivi percorsi enogastronomici. Si può scegliere tra la cucina raffinata e d’autore di Barrique e quella più smart e conviviale proposta dal bistrot Epos Wine&Food”.

Attraversando un pergolato si raggiunge il ristorante Barrique,al piano inferiore del complesso, antica barricaia trasformata grazie a importanti lavori in un luogo unico, raffinato e ospitale. Un lavoro alchemico che ha unito terra e storia, vite e cultura culinaria, design e sogno. Armoniosa fusione  di elementi naturali, sabbia, pietra, terra, legno… Trenta coperti, che occupano il posto delle vecchie botti, oggi hub del gusto dove godere dei piatti di un grande come Oliver Glowig, con al suo fianco Daniele Corona e il giovane Andrea Riva Moscara ispirato e già affermato .

Mentre a guidare gli ospiti sulle scelte dei vini, il noto sommelier Luca Boccoli, che ha creato una  carta di rango, che vede accanto alle etichette della casa, Poggio le Volpi e i vini pugliesi di Masca del Tacco, grandi vini nazionali e internazionali,  tra cui molti francesi.

 

Gli arredi giocano sui toni dell’oro e del nero con foglie di vite usate come stencil. Alle pareti reperti incastonati con la terra, opere d’arte realizzate con un lavoro di patine su metalli preziosi. E poi botti, vini, suggestioni… Tutto partecipa a un disegno di grande e accogliente eleganza. La firma del progetto architettonico è dello studio Mama Design di Matteo Antonelli e Andrea Miscoli, con il lavoro di Luca De Felice, che ha contribuito fortemente alla realizzazione di Barrique. Roberto Ortolani di Natura e Architettura si è occupato invece degli aspetti paesaggistici.

Il racconto gastronomico, incantevole, risponde e corrisponde al sogno-progetto come note di uno stesso spartito. In carta proposte note e non come: Caviale con uovo, patate schiacciate e storione affumicato, Fegato grasso d’oca al cioccolato con battuta di manzo e visciole all’Armagnac, Spaghettoni con ostriche, trippa di baccalà e cavolfiori, Bottoni ripieni di stracotto d’anatra con salsa di fegato grasso d’oca e fichi secchi, Branzino al vapore con ostriche e gelatina di mare al profumo di anice stellato, Piccione con crema di cipolla bianca e scalogno alla pancetta… Ecco solo alcuni tra i magnifici piatti preparati dallo chef tedesco, con un prezzo medio (vini esclusi) tra i 70 e gli 80 euro a persona. Stessa cifra, 80 euro, per il menu degustazione di sette portate: un percorso per entrare a pieno nel mood raffinato, originale e goloso di Oliver Glowig.

“Sono felice di iniziare questa nuova esperienza a Poggio le Volpi – afferma Oliver Glowig – un progetto in cui credo fermamente e per il quale mi sono sentito emotivamente coinvolto fin dal principio grazie al feeling instauratosi subito con Rossella Macchia e la famiglia Mergè, senza dimenticare quello già lungamente collaudato con Daniele. Sono convinto che Barrique sia il luogo ideale per esprimere in libertà la mia idea di cucina. Proporrò piatti di alto livello ma, come i nostri ospiti potranno appurare, a costi assolutamente accessibili”.

Daniele Corona guida la brigata di Epos Wine&Food. Un bistrot accogliente, 50 coperti più 60 esterni, in uno spazio total white. Parola d’ordine, territorio e stagionalità, ma non solo… Selezioni di salumi e formaggi provenienti dalla “parete del gusto”: varie celle di stagionatura a temperatura controllata dove riposano prodotti di primissima scelta, dai migliori prosciutti italiani al jamon iberico, passando per i latticini firmati da artigiani del Lazio, d’Italia e non solo. In alternativa, Storione affumicato con insalata di finocchi e arancia, Tartare di branzino con Avocado e mela verde, Tonnarelli cacio e pepe, Risotto all’amatriciana, Pollo e peperoni, Minestra di ceci e scarola con lumachine di mare, Pasta e patate con provola affumicata e gamberi, Filetti di triglia all’acqua pazza, Guancia di vitello con pappa di pomodoro, pecorino e menta… Capitolo a parte merita la carne, data la presenza della griglieria con dry aging a vista, potendo così scegliere varietà (chianina, marchigiana, fassona, manzetta prussiana, angus australiana), taglio e frollatura desiderata.

E’ il giovane pastry chef Andrea Riva Moscara ad occuparsi dei dessert, di Barrique e di Epos Wine&Food. E’ giovane ma ha alle spalle importanti esperienze. Possiede un tocco speciale, già ben riconoscibile. Legato alla tradizione, goloso e innamorato del suo lavoro, studia-immagina-sperimenta-crea, riuscendo a stupire con colori  e consistenze, accostamenti insoliti, anche sorprendenti. Tra le proposte di  Barrique: Sfera di cioccolato al latte, arachidi salate e more o la sua Tatin “Tutta mela”  o Mousse allo yogurt con gelato alla camomilla e polline disidratato…o gli imperdibili Mini Bomboloni alla crema… . Al bistrot Epos Wine&Food, grandi classici della tradizione come Ricotta e visciole, Tiramisù e la Zuppa inglese. Tutto da provare….

.Ognuno di noi ha un paio di ali , ma solo chi sogna impara a volare…. (Jim Morrison)

 

Ristorante Barrique by Oliver Glowig
Bistrot Epos Wine& Food
Poggio Le Volpi
Via Fontana Candida, 3 Monte Porzio Catone (Roma)
Tel. 069416641

 

di Rossella Gargiulo

 

About the Author

Redazione

Summary
Poggio le Volpi, Oliver Glowing e Barrique… Se puoi sognarlo puoi farlo!
Article Name
Poggio le Volpi, Oliver Glowing e Barrique… Se puoi sognarlo puoi farlo!
Description
Ai piedi di Monte Porzio Catone, a due passi da Roma, tra i vigneti dell'azienda Poggio le Volpi è nato l’elegante Barrique, dalla magica atmosfera. Executive Chef Oliver Glowig, Resident Chef Daniele Corona, che guida anche il bistrot Epos Wine&Food, mentre i dessert sono espressione della creatività del giovane e talentuoso pastry chef Andrea Riva Moscara. Ispiratrice e compagna di avventura la padrona di casa Rossella Macchia insieme al grande ideatore e stratega Felice Mergé.
Author

Condividi
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    21
    Shares

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.