Varvaglione 1921 – Puglia – Bererosa 2020

In Bererosa 2020 by editor1 Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Puglia Rosato di Primitivo Idea 2019
Igp

Gradazione: 13% vol
Uve: primitivo
Il vino: combina eleganza e carattere, svelati al naso in una invitante progressione ascendente, regalando la piacevolezza di sentori ricercati. Carattere ancor più evidente al sorso, dal sapore deciso. Curiosa colorazione tendente al corallo, che si mostra in una cristallina trasparenza. Nobile femminilità, espressa con decisione sui toni della rosa, del pansé, della viola e dell’ibisco. Seguono echi di alchechengi, cachi, prugna e foglie di mirto. L’abbraccio con l’ossigeno dona un profilo più evoluto e peculiare nei ricordi di cioccolato bianco, la golosità del mon cheri e un curioso richiamo di pan di Spagna bagnato all’alchermes. Sorso pacato all’ingresso, dall’agile beva. Mostra i tratti cupi della liquirizia e del caramello salato, leggermente addolciti da sfumature di anice, che donano un leggero e piacevole velo di astringenza sulla lingua. Più che sapidità, si parla di saporito propriamente detto, con soffusi ricordi di umami.
L’abbinamento: ottimo insieme a dei classici gnocchi alla sorrentina.

Rosato del Salento 12 e Mezzo 2019
Igp

Gradazione: 12,5% vol
Uve: negroamaro
Il vino: all’approccio fruttato segue un complesso che ci proietta in bucolici panorami fioriti, collocati nell’insolita cornice del paesaggio d’altura. Curiosa colorazione, di un rosa-arancio molto tenue, ma dalla peculiare tonalità, a ricordare l’estratto di carota. Incide sull’olfatto già dal primo approccio, dominato dal frutto, sui toni della pesca gialla, pera kaiser, mela golden e ananas. A colorare lo sfondo giunge il fiore, dove il gelsomino primeggia su un contorno di mimosa. Sul finale il naso è arricchito da particolari di pietra pomice, cenni di polvere di gesso, venature di pepe bianco e nuance di elicriso. Un leggero petillant amplia un ingresso equilibrato che, progressivamente, rivela avvolgenza e intensità nelle sensazioni. Apprezzabile la persistenza, sorretta da una misurata sapidità, che primeggia su un freschezza mai evidente e su una leggera sensazione di astringenza al palato. La memoria va agli aromi della spuma, ricordo d’infanzia per molti. Seguono sensazioni accese di arancia rossa, quasi in confettura, e caramella al ribes nero.
L’abbinamento: sposa un piatto di “tunnina ca’ cipuddata”.

 

Torna alla pagina principale di Bererosa 2020 web

About the Author
Francesco D'Agostino

editor


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
[do_widget id="mc4wp_form_widget-2"]

Comments

  1. Pingback: Bererosa 2020 web - Cucina & Vini

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.