Cantina Sant’Andrea #LazioPreziosoDigital2021

Quella della Cantina Sant'Andrea è la storia di una famiglia che parte dalla Sicilia, si sposta in Tunisia e poi approda nell'agro pontino

Siamo tra Terracina e il Circeo. La famiglia Pandolfo ( nella foto Andrea che conduce l’azienda con il padre Gabriele e la madre Enza) da sempre ha prodotto vini e ancora oggi, ormai alla quinta generazione, continua la tradizione. L’azienda ha due anime,  la prima ha sempre rappresentato una sfida verso un territorio privo di tradizione vitivinicola, l’agro pontino con il suo Parco del Circeo, ma eccezionale a livello microclimatico per sperimentare e “inventare”.
La seconda, immersa nelle avare colline intorno a Terracina, Parco Naturale di Campo Soriano, vuole riscoprire i vecchi vini che già gli antichi romani conoscevano e apprezzavano. Da anni l’azienda ha iniziato un’importante opera di recupero di oliveti a varietà locate itrana per la produzione di olio extravergine di oliva. Olivi che crescono in zone meravigliose come quella di Campo Soriano, lottando con le rocce o si affacciano sul mar Tirreno e lago di Fondi come nella zona di Barchi.

cucina e vini
Vai allo shop dell’azienda

Cantina Sant’Andrea – Borgo Vodice (Lt)
Dune 2018
Circeo Bianco Doc
Uve: trebbiano, malvasia (da vendemmia tardiva)
14% vol

Giallo dorato intenso e luminoso, è deciso e originale nel porgere subito note di miele e pappa reale giustapposte a zenzero, che aprono al frutto polposo di albicocca, susina, banana, uva spina, gelso bianco, arancia, declinati anche in versione disidratata e candita, mentre si avvertono netti i profumi di fiori di sambuco e glicine. E ancora mandorla secca con sentori di marzapane e fragranze di pandoro, tutti percorsi da respiri di talco e gesso, con vaghi ricordi di cioccolato bianco. Accogliente e avvolgente per la morbidezza calorica, gode di una tensione acido-sapida netta che allunga il sorso dal finale succoso. Riprende la dialettica del naso in un veste golosa di frutto, ma meno dolce, declinato anche sotto spirito, sostenuta da una mineralità salina decisa che accenna alla pietra focaia.
Bene insieme a un trancio di baccalà in crosta di nocciole, con salsa zabaione alla scorza di limone.

Cantina Sant’Andrea #LazioPreziosoDigital2021