Gremillet – Champagne – Francia – Bererosa 2020

In Bererosa 2020 by editorLeave a Comment

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Champagne Rosé Brut
Aoc metodo classico

Gradazione: 12,5%
Uve:  pinot nero 70%, chardonnay 30%
Il vino: preciso e ricco, di bel potenziale, è rosa ramato leggero solcato da finissimo perlage. Piacevole la sensazione olfattiva che regala una progressione aromatica crescente. Apre con sentori minerali che ricordano la roccia montana, prosegue su una succosa ciliegia e arriva, al fondo dell’inspirazione, alla profondità della rosa in appassimento. Qualche secondo di respiro ne rivela un’essenza più corposa e matura, contornata da note di chinotto, sentori di mela cotta, ricordi di caramella frizzante all’agrume, cenni di polvere di gesso e tratti balsamici di mentolati. Perfetto l’ingresso nel cavo orale, equilibrato e pieno, segmento su cui, per una manciata di secondi, si prolunga anche il gusto, prima di lasciare lungo spazio a una freschezza citrina, verticale ma ossequiosa del palato. Appena l’acidità inizia a ritrarsi, emerge la sensazione gustativa che lascia un assaggio di torta paradiso, contornata da gustosi spunti di arancia e venature di prugna.
L’abbinamento: ottimo su un risotto alla pescatora.

 

Champagne Rosé Vrai Extra Brut
Aoc metodo classico

Gradazione: 12,5%
Uve: pinot nero
Il vino: potente e fruttato, uno Champagne rosé “vero”, che appaga con complessità ed eleganza. Croccante e vivace, unisce al basso residuo zuccherino una bella intensità di aromi, in un insieme mai banale. Colore rosa corallo brillante con perlage fine, si concede subito in modo intenso ed esuberante, con la frutta rossa di amarena anche sciroppata, arancia sanguinella, susina, ciliegia, fragola, mora, mirtillo e ribes freschi. Man mano si fa più dolce, con ricordi di sfoglia al burro con marmellata, di crostata alla confettura di visciole e ricotta e il croccante di mandorle. Contemporaneamente, emergono i fiori di peonia e rosa, la cipria, il cacao e un vegetale di melissa e maggiorana che si fonde al minerale di gesso. Al palato, regala un’effervescenza sottile ed esuberante e sensazioni tese che si rivelano fresche e fragranti. Ricorda, come al naso, i frutti rossi, ma qui espressi in modo più dolce, arrivando alle caramelle e alle confetture e alle ciliegie sottospirito. L’arancia è nella sua scorza candita e lievemente amara, che ben esalta una carezza tannica. Finale intenso, persistente, che congeda il palato con nitidi aromi di amarena e arancia rossa in nettare.
L’abbinamento: perfetto su con un roast beef con riduzione di ciliegie.

Torna alla pagina principale di Bererosa 2020 web

About the Author
Francesco D'Agostino

editor


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Iscriviti alla newsletter di Cucina & Vini !

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.