Trentino Sparkle 2022

Le bollicine del Trentino in Sparkle 2022, ventesima edizione della guida dedicata ai migliori spumanti italiani

Brut

Brut

Grande interesse per questo spumante di alta quota ottenuto con uve desuete. Immediato e di beva semplice, si propone con ...
Leggi Tutto
Rosé Brut

Rosé Brut

Vino che inizia il suo percorso mettendo in mostra doti di bella eleganza; in bocca c’è bilanciamento, struttura e una ...
Leggi Tutto
Trento 1673 Noir Nature 2015

Trento 1673 Noir Nature 2015

Matura eleganza, dischiusa tanto al naso quanto al palato, in quella veste suggestiva che può dare soddisfazione immediata e laute ...
Leggi Tutto
Trento 1673 Rosé Brut 2014

Trento 1673 Rosé Brut 2014

Vino dal carattere molto deciso con un’espressione iniziale di frutta floreale. Stringe sul finale su sensazioni salmastre. Ha bisogno di ...
Leggi Tutto
Trento 1907 Brut

Trento 1907 Brut

Immediatezza e facilità di beva, freschezza decisa, dinamica e croccantezza di frutto e fiore. Questa è la chiave di lettura ...
Leggi Tutto
Trento 1907 Extra Brut 2016

Trento 1907 Extra Brut 2016

Si fa attendere, poi tostature e minerali scuri avvolgono il frutto dolce. In bocca c’è tensione acido-sapida a rendere il ...
Leggi Tutto
Trento 51,151 Brut

Trento 51,151 Brut

Assaggio piacevole e spigliato che si caratterizza per un olfatto fresco e abbastanza ampio e una verve gustativa equilibrata e ...
Leggi Tutto
Trento 708 Chilometri Extra Brut 2016

Trento 708 Chilometri Extra Brut 2016

Misurato nell’articolazione molto fresca di vegetali e frutto con cenni tostati. In bocca è agile e rapidamente focalizzato sulla scia ...
Leggi Tutto
Trento Alpe Regis Pas Dosé 2015

Trento Alpe Regis Pas Dosé 2015

Avvolgente, tra tostature e frutto giallo, amplificati da fiore bianco e pasticceria al limone. Al palato è cremoso, equilibrato e ...
Leggi Tutto
Trento Alpe Regis Rosé Brut 2016

Trento Alpe Regis Rosé Brut 2016

Un giusto blend tra pinot nero e chardonnay dà vita a questo Rosé elegante, ricco all’olfatto e di bella dinamica ...
Leggi Tutto
Trento Altinum Brut 2017

Trento Altinum Brut 2017

Vino di buona complessità, pieno e fragrante di tostature e pasticceria da forno, non esplosivo al naso ma di grande ...
Leggi Tutto
Trento Altinum Pas Dosé 2017

Trento Altinum Pas Dosé 2017

Misurato nella sua espressività che al naso propone in sequenza tostature e frutto. In bocca è leggero e rapido, caratterizzato ...
Leggi Tutto
Trento Antares Brut 2017

Trento Antares Brut 2017

Vino dotato di buona e croccante freschezza, elegante ma ancora giovane anche per la recente sboccatura; comunque di piacevole e ...
Leggi Tutto
Trento Antares Brut Nature 2017

Trento Antares Brut Nature 2017

Vino di taglio gentile, che predilige minerali e tostature. Bocca vitale e ritmata, dal finale salino, per un insieme di ...
Leggi Tutto
Trento Blanc de Blancs Brut

Trento Blanc de Blancs Brut

Si rivela immediato e avvolgente, aggraziato nel porgere dolcezza, freschezza e profondità, un gioco di contrasti che lo rende perfetto ...
Leggi Tutto
Trento Blanc de Noir Extra Brut 2018

Trento Blanc de Noir Extra Brut 2018

Impressioni fresche e floreali, frutto croccante, erbe aromatiche e sfumature di panificazione. Bocca fresca, di struttura lieve e con un ...
Leggi Tutto
altemasi blanc de noirs

Trento Blanc de Noirs Brut 2017

Raffinato, propone fiori nobili, frutti gialli, agrumi intensi e la mandorla, fino alla pasticceria. Bocca leggiadra e di freschezza bilanciata, ...
Leggi Tutto
Trento Brezza Brut

Trento Brezza Brut

Vino di buona complessità olfattiva, anche se non subito pronto, con belle note di pasticceria; al palato è piacevole e ...
Leggi Tutto
abate nero brut

Trento Brut

La delicatezza della dialettica tra note fresche e dolci, fuse con femminilità. Buona la cremosità, struttura leggera con finale timido ...
Leggi Tutto
Trento Brut

Trento Brut

Accogliente nel proporre un bel mix di frutti, vegetali e minerali. In bocca la tessitura lascia spazio all’acidità e alla ...
Leggi Tutto
Trento Brut

Trento Brut

Accogliente, prosegue con coerenza anche nella fase iniziale della bocca. Solo nel finale mostra qualche spigolo dovuto al prevalere delle ...
Leggi Tutto
Trento Brut

Trento Brut

Calice che si offre di beva semplice e immediata, dal finale ancora teso, pur mantenendo alto l’appeal olfattivo grazie a ...
Leggi Tutto
Trento Brut

Trento Brut

Sboccato a primavera 2021, nel nostro assaggio di fine estate è ancora fin troppo giovane e timido, con un carattere ...
Leggi Tutto
Trento Brut

Trento Brut

Esita leggermente appena versato, poi si apre sul frutto e sulle tostature dolci. In bocca inizialmente è abbastanza equilibrato, nel ...
Leggi Tutto
Trento Brut

Trento Brut

Approccio opulento ma garbato, all’assaggio si mostra fresco e dinamico in giusta misura; coerente nel riproporre il frutto dolce, la ...
Leggi Tutto
Trento Brut

Trento Brut

Vino che scorre agile e piacevole dettando i ritmi per una beva fresca e dal finale salino, ideale per goderlo ...
Leggi Tutto
Trento Brut 2016

Trento Brut 2016

Fresco, dal bel tratto vegetale e dalle note dolci, si esprime con coerenza in bocca, dove si mostra dinamico, invitante ...
Leggi Tutto
altemasi brut

Trento Brut 2017

Elegante nella sua espressione delicata ma provocante. Bilanciato e gustoso, ama farsi ricercare come una donna affascinante. Da bere insieme ...
Leggi Tutto
Trento Brut 2017

Trento Brut 2017

Vino semplice e dalla discreta beva, ancora molto teso al nostro assaggio di fine estate, forse a causa della recente ...
Leggi Tutto
Trento Brut 2017

Trento Brut 2017

Accoglie con un naso ricco di toni tostati percorsi da tratteggi balsamici di canfora. Seguono i dolci frutti gialli e ...
Leggi Tutto

C’è un aspetto che prima di altri ci ha stupito, quest’anno sono ben centoventicinque le referenze selezionate tra i vini della provincia di Trento, lo scorso anno novantasette, in Sparkle 2020 ottanta. Una crescita, rispetto all’edizione 2021, prossima al 30% in termini numerici, che sottolinea un livello medio veramente alto per le bottiglie che vanno sul mercato con il marchio TrentoDoc. Aspetto, questo, da non sottovalutare perché il mercato risponde molto fedelmente a una denominazione quando tutte le bottiglie non deludono.

Importante parlare dei numeri complessivi del TrentoDoc che quest’anno sfiorano dodici milioni novecentomila bottiglie poste in produzione, su un totale di oltre diciannove milioni di spumante a indicazione geografica (le denominazioni Vigneti delle Dolomiti e Prosecco si dividono grossomodo sei milioni di bottiglie a metà); si deve poi sempre aggiungere qualche centinaio di migliaia di pezzi di spumante generico. Lo scorso anno, rispettivamente, si registravano poco più di tredici milioni di bottiglie e oltre diciotto milioni di prodotti a indicazione geografica (tutti i dati sono di Icqrf). In sostanza il TrentoDoc è piuttosto stabile mentre gli spumanti più semplici, di prezzo allo scaffale decisamente inferiore, aumentano la produzione di un milione di pezzi, sicuramente per seguire la tendenza mondiale della crescita dei consumi di bollicine semplici, prodotte in pochi mesi, specialmente per aperitivo o happy hour. In sostanza il TrentoDoc ha superato i momenti difficili legati alla vendemmia 2017 e alla pandemia senza particolari cambiamenti, manifestando un posizionamento stabile e deciso, un po’ come è il carattere del vino e il luogo che lo genera. Un territorio collinare pedemontano che in alcune occasioni arriva con le vigne in altitudine, portando nel calice la freschezza netta delle Alpi; caratteristica questa che in passato veniva spesso gestita cercando di ingrassare i vini in legno, portando poi al naso toni decisamente boisé. Un aspetto che è andato scemando proporzionalmente alla crescita delle aziende spumantistiche e oggi è diventato, misurando al meglio l’apporto del legno, uno dei caratteri che rientrano nella complessità di molti TrentoDoc. Certo, anche qui si sente il cambiamento climatico, ma il territorio per il suo posizionamento soffre meno di altri, anzi oggi probabilmente fruisce di un meteo più asciutto nei periodi di maturazione rispetto a venti o trenta anni fa. La freschezza eredità del territorio è oggi più che mai un tratto distintivo dei vini dell’area e un valore sostanziale che talvolta, nelle cuvée più semplici, si gestisce meno bene, arrivando a vini molto decisi e un po’ troppo verticali. Insomma la dinamica del cambiamento qui è più lenta. E ora tuffiamoci nei vini da non perdere, i 5 sfere di Sparkle 2022. Li trovate rielencati nella tabella, ma presentati per residuo zuccherino decrescente, a prescindere dal colore del vino. Molti dicono che la richiesta di vini sempre più secchi sia legata a un cambiamento di gusto, noi pensiamo piuttosto che le condizioni climatiche e la competenza delle cantine riescano a finalizzare vini non dosati ricchi di carattere e piacevolezza. Quest’ultimo termine, su cui noi abbiamo costruito questa guida da venti anni, è la chiave: oggi senza aggiungere zuccheri si possono spesso ottenere vini più bilanciati che addizionandone in dosaggio.

BRUT 
Trento Domini Nero Brut 2015Abate Nero
Trento Riserva Cuvée dell’Abate Brut 2010Abate Nero
Trento Riserva Graal Brut 2014Altemasi
Trento Riserva Aquila Reale Brut 2011Cesarini Sforza
Trento Riserva Piancastello Brut 2016Endrizzi
Trento Riserva del Fondatore 976 Brut 2010Letrari
Trento Riserva Madame Martis Brut 2011Maso Martis
Trento Riserva Flavio Brut 2013Rotari
Trento Maso Nero Brut 2017Zeni
EXTRA BRUT 
Trento Riserva 1673 Extra Brut 2013Cesarini Sforza
Trento Giulio Ferrari Riserva del Fondatore Extra Brut 2010Ferrari
Trento Giulio Ferrari Riserva del Fondatore Rosé Extra Brut 2009Ferrari
Trento Riserva Perlé Nero Extra Brut 2013Ferrari
Trento Riserva 8040 Extra Brut 2012Pedrotti
Trento Riserva Erminia Segalla Extra Brut 2013Pisoni
NON DOSATI
Trento Riserva Pas Dosé 2014Balter
Trento Riserva Dosaggio Zero 2015Letrari
Trento Riserva Dosaggio Zero 2017Maso Martis
Trento Brut Nature 2015Moser
Trento Alpe Regis Pas Dosé 2015Rotari

La nostra classifica mette al primo posto ancora una volta i Brut, tutti vini Riserva, salvo due, ovvero prodotti a lunga maturazione sui lieviti, anche oltre i centodieci mesi, che con nove referenze ottengono le 5 sfere. A tre lunghezze di distanza, con sei vini premiati, il gruppo degli Extra Brut, tutti Riserva a lunga maturazione sui lieviti, fino e oltre i centoventi mesi. I non dosati premiati in Sparkle 2022 sono cinque e anche qui la maggioranza sono della tipologia Riserva, ma con maturazioni più contenute, fino a settanta mesi. Sottolineiamo questa tendenza ai lunghi tempi di attesa del vino spumante a contatto con i lieviti della seconda fermentazione perché si tratta di un processo produttivo che porta innegabilmente a vini molto importanti, ma è fondamentale partire da una materia prima in grado di sopportare un trattamento così “invasivo”, facendo trovare lo spumante, all’appuntamento con la sboccatura, in perfette condizioni “atletiche”. Non è facile, e qui nelle valli trentine i produttori condividono una competenza che solo venti anni fa quasi non esisteva o era in mano di pochissimi. Entrando nel dettaglio dei nomi, partiamo con le novità portate da questa ventesima edizione: Pedrotti entra nel novero delle aziende premiate da Sparkle e si aggiudica il primo alloro nella storia della guida con un extra brut da ottantaquattro mesi sui lieviti, nato per celebrare gli ottanta anni del proprietario Paolo Pedrotti, e i quaranta dal primo metodo classico aziendale. Gli altri nomi vi sono noti da molto tempo, alcuni fanno parte della storia della spumantistica del Paese, tutti della nostra storia ventennale. Per una lettura più agevole giova riassumere i pluridecorati: Ferrari si aggiudica tre allori, Abate Nero, Cesarini Sforza, Letrari, Maso Martis e Rotari ne ottengono due. Il filo conduttore che quindi lega i nostri campioni del 2022, oltre che il territorio, è la lunghezza dell’affinamento, possibile grazie a un’uva eccellente. Un aspetto molto importante da considerare, dal punto di vista del consumo, è che un vino spumante dopo aver trascorso tanto tempo al buio, a temperatura costante, in un ambiente riducente, in contatto con i lieviti, ha bisogno di un affinamento dopo la sboccatura più lungo per concedersi al meglio, con capacità di mantenere per anni il suo straordinario livello di qualità. Andate a sfogliare la sezione Vintage e troverete qualche esempio.